Materiali

I materiali sono tutti meravigliosi. Sono strumenti che consentono agli architetti cose meravigliose”.
Gio Ponti

L’architettura è l’espressione dei materiali che la definiscono.

Noi architetti abbiamo tanti materiali a disposizione da adoperare nella progettazione: dal mattone impiegato a quello ritrovato e messo a nudo, stilato o trattato. Vi è poi il cemento che con le sue linee di forza consente di creare superfici autoportanti, strutture organiche e forme vere.

Alluminio e poi il ferro, che è l’ossatura e l’elemento di architettura che si presta in tutte le sue misure a molte lavorazioni. Un metallo che personalmente preferisco ad altri materiali per realizzare scale e serramenti. L’acciaio lo impiego in lastre, al legno sono affezionata per le sue diverse essenze e provenienze ma anche perché ha fantastiche venature, si lavora e si tratta ed è un elemento fondamentale, capace di tutto nei miei progetti.

Del marmo amo il fatto che nasce dalla cava in splendidi blocchi e che a seconda di come lo si taglia, offre fantasie nelle venature, con il marmo si possono rivestire, come una seconda pelle, superfici orizzontali e verticali, oppure scolpire blocchi che spesso mi hanno ispirata per i progetti.

La ceramica è un ottimo rivestimento che dà alla superficie un valore plastico, lo stucco, le vernici o la pittura sono il ciclo finale, il tocco, la personalizzazione.

Seleziono e ricerco i tessuti, sono un materiale che contengono sapienza una materia tra le più belle e poi la carta, materia sottile, fragile ma con una grande storia e molte possibilità espressive.

Le materie plastiche che non sono state create della natura ma dall’uomo per l’uomo, sono le materie tecniche che hanno tante forme e colori e dimensioni e tutte le dimensioni occorrenti; sono modellabili o rigide, hanno trasparenza e resistenza.

Cementine di recupero.

Pietra leccese a spacco.